News, consultazione


EUROBIRDWATCH 2012: LO SPETTACOLO DELLA MIGRAZIONE AUTUNNALE IN SCENA SABATO 6 E DOMENICA 7 OTTOBRE Torna l’evento dedicato al birdwatching in 70 “paradisi” degli uccelli selvatici in Italia (programma completo su www.lipu.it)

04/10/2012

La natura e la migrazione autunnale degli uccelli saranno protagonisti sabato 6 e domenica 7 ottobre in oltre 70 “paradisi” degli uccelli selvatici, tra parchi, oasi e riserve del nostro Paese, in occasione dell’”Eurobirdwatch”, il più grande evento dedicato al birdwatching organizzato dalla LIPU-BirdLife Italia in collaborazione con Il Corpo forestale dello Stato.

L’evento, che vanta il patrocinio del ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare e di Federparchi, sarà illustrato sabato 6 ottobre nel Parco del Ticino (conferenza stampa a Lonate Pozzolo, ore 11,30) dal presidente LIPU Fulvio Mamone Capria, che presenterà anche in anteprima nazionale il “BiBiWu” (Bike Birdwatching), un carrellino per bicicletta utile per trasportare tutto il necessario per il birdwatching, dal capanno mobile all’attrezzatura per l’osservazione degli uccelli. Il vicino aeroporto di Malpensa sarà inoltre il contesto ideale per parlare del progetto della terza pista e delle sue ripercussioni sull’ambiente, in particolare sulla brughiera di Gallarate, una delle più estese e meglio conservate del Sud Europa, dove Malpensa sorge e dove andrebbe ad espandersi ulteriormente a danno dell’habitat e di numerose specie come l’averla piccola e il succiacapre.

Sul territorio nazionale l’Eurobirdwatch si svolgerà su oltre 70 aree ad alto valore naturalistico, tra cui 28 oasi e riserve della LIPU (dalla Riserva Palude Brabbia, in provincia di Varese, all’Oasi Ca’ Roman, nella laguna di Venezia, fino all’Oasi di Carloforte, in Sardegna) cui si aggiungono 26 riserve naturali gestite dal Corpo forestale dello Stato e altri 20 “paradisi” del birdwatching scelti dai volontari delle sezioni LIPU, tra cui alcune tra le più importanti aree in Italia per il birdwatching come la foce dell’Isonzo, in Friuli-Venezia Giulia, le saline di Margherita di Savoia, in Puglia, la Riserva dei Pantani della Sicilia Sud orientale e tantissime altre aree protette dove osservare fino a 300 specie di uccelli selvatici (programma completo di tutti gli eventi al sito www.lipu.it).

Staff e volontari LIPU organizzeranno giochi per i più giovani, visite guidate, corsi di fotografia e laboratori fino alla liberazione, nella Riserva Bosco Negri (Pavia), nell’Oasi LIPU Celestina (Reggio Emilia) e l’Oasi LIPU Castel di Guido (Roma), di rapaci feriti e riabilitati dai centri di recupero della LIPU.

Ai partecipanti più giovani, sempre alla Riserva Bosco Negri (Pv), è dedicata la presentazione del libro di Alessandra Sala “Dov’è finito Carlotto”, storia di un’amicizia tra una bambina e un allocco. Per tutti i partecipanti all’Eurobirdwatch, come ogni anno, vi sarà la possibilità di partecipare direttamente a un grande censimento europeo degli uccelli migratori che si terrà negli stessi giorni in oltre 35 Paesi europei della rete di BirdLife International.

“L'Eurobirdwatch è un evento non solo per gli appassionati ornitologi, ma anche per le famiglie che vogliono avere un primo approccio con la conoscenza della natura attraverso l'osservazione degli uccelli migratori – dichiara Fulvio Mamone Capria, presidente LIPU – Conoscere la natura vuol dire sensibilizzare alla tutela dell’ambiente e alla necessità di un modo di vivere e di consumare risorse più sostenibile.

“In tutta Italia i nostri volontari sono pronti ad accogliere i cittadini e i tanti bambini che speriamo – conclude Mamone Capria - partecipino numerosi a questo evento internazionale."

Tra le specie più facili da vedere il 6 e 7 ottobre la LIPU segnala, nelle zone umide, numerose specie di aironi come la garzetta, l’airone cenerino, l’airone bianco maggiore e la nitticora e inoltre rapaci come il falco di palude e lo sparviere, mentre negli habitat boschivi si potranno osservare molte specie di passeriformi, da quelle comuni come pettirossi, merli, fringuelli e verdoni a quelle più rare e localizzate quali il passero solitario, il basettino e il forapaglie castagnolo.

Per facilitare a tutti il riconoscimento delle specie è possibile scaricare gratuitamente alla pagina

http://www.lipu.it/birdwatching/?utm_source=banner&utm_medium=banner&utm_term=banner&utm_content=birdwatching&utm_campaign=birdwatching

una Guida per il riconoscimento delle 120 specie di uccelli più facili da osservare e suddivise per habitat (zone umide, boschi, città, montagne).

Per informazioni si può telefonare al n. 0521.273043 (e-mail: info@lipu.it) o visitare il sito www.lipu.it.

CON IL PATROCINIO DI:
MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE
FEDERPARCHI

IN COLLABORAZIONE CON:
CORPO FORESTALE DELLO STATO



Ufficio stampa LIPU Birdlife Italia
ufficiostampa@lipu.it
www.lipu.it
0521.1910706
LIPU
andrea.mazza@lipu.it
www.lipu.it


  Galleria di immagini principale   Vai alla Home page   Torna in cima alla pagina