News, consultazione


BRACCONAGGIO: SOLIDARIETA’ LIPU AI VOLONTARI DELLA LAC E DEL CABS  AGGREDITI A PONZA. “SFIORATA LA TRAGEDIA” A poco più di un mese dalla distruzione delle reti per l’inanellamento denunciato dalla LIPU, ancora un vile gesto dai bracconieri

09/05/2011

Ancora un fatto grave a Ponza, che poteva finire in tragedia. Tre volontari della LAC e del CABS (Committe Against Bird Slaughter) sono stati aggrediti a colpi di bastone nell’isola tirrenica da alcuni bracconieri dell’isola.
Il gravissimo fatto segue di poco più di un mese la distruzione delle reti utili per l’inanellamento scientifico, denunciata dalla LIPU lo scorso mese di marzo, aggravando l’escalation di intolleranza contro chi, per professione o per passione, studia e protegge gli uccelli migratori.
 “Ai volontari aggrediti – afferma Fulvio Mamone Capria, vicepresidente LIPU-BirdLife Italia - esprimiamo la nostra solidarietà e un augurio per una pronta guarigione. Questo vile atto poteva avere esiti ancora più drammatici. Proprio per questo siamo molto preoccupati e chiediamo alle forze dell’ordine di continuare nella loro azione di repressione del bracconaggio per porre fine a un fenomeno ormai non più tollerabile”.
 “Questi fatti sono gravi anche perché danneggiano in modo pesante il turismo – aggiunge il vicepresidente LIPU - Se non si fermerà al più presto questa spirale di violenza e illegalità, le isole pontine e quelle dell’arcipelago campano, come Ischia e Procida in particolare, rischiano di essere espulse dal circuito turistico internazionale, che al contrario chiede che la biodiversità venga tutelata sotto tutti i punti di vista, paesaggistico ed ecologico. Sparare in questo periodo è pericoloso per i turisti già presenti sulle isole ed è un enorme danno all’avifauna durante il delicato periodo di migrazione degli uccelli verso i siti di riproduzione”.
 “Ringraziamo il Coordinamento provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Latina – conclude Mamone Capria – che sta operando con continui blitz sull’isola e il Nucleo antibracconaggio del Corpo Forestale dello Stato, impegnato nell’altro punto caldo del bracconaggio, quello dell’isola di Palmarola. Ma chiediamo di non abbassare la guardia in questo mese di maggio negli hot spot della migrazione internazionale come lo Stretto di Messina e le isole del Mediterraneo, per evitare che il nostro Paese, nella difesa della fauna, torni indietro di qualche decennio”.



Ufficio stampa LIPU Birdlife Italia
ufficiostampa@lipu.it
www.lipu.it
0521.1910706


  Galleria di immagini principale   Vai alla Home page   Torna in cima alla pagina