News, consultazione


CACCIA, LIPU: SI DEVE PREVEDERE STAGIONE CORTA, CONTENUTA TRA OTTOBRE E DICEMBRE

03/10/2010

Gentilissimo Direttore in riferimento alle dichiarazioni dell’onorevole Galetto apparse sulla stampa odierna e ad alcune considerazioni sulle preaperture al calendario venatorio delle scorse settimane , la sezione LIPU di Latina desidera fare alcune precisazioni per cercare di fornire un’informazione quanto più completa possibile sulle novità introdotte dalla legge Comunitaria 2009 in materia di tutela dell’avifauna selvatica.
L'approvazione della legge Comunitaria e segnatamente dell’articolo 42 che ha introdotto forme di tutela più stringenti nei confronti di alcune specie cacciabili, in risposta alle gravi censure mosse all'Italia dall'Europa, comporta che la legge italiana recepisca e adotti le previsioni di tutela necessarie per la conservazione di alcune specie di uccelli e riduca fortemente la caccia sul proprio territorio.

In particolare, è necessario posticipare l'apertura della stagione venatoria al 1° ottobre, come ufficialmente chiesto anche dall'ISPRA, l'autorità scientifica nazionale, e chiudere la caccia a tutti gli uccelli a fine dicembre, per permettere alle specie migratrici di prepararsi adeguatamente per il difficile viaggio di ritorno verso i luoghi di riproduzione.
Le Regioni devono quindi applicare senza esitazioni la nuova Direttiva proprio perché è l’Europa che ci obbliga a farlo. Il periodo di caccia e le specie cacciabili devono, quindi, essere quelli previsti dalla legge e dal documento tecnico ufficiale dell’ISPRA:
In particolare per la Moretta deve essere introdotto un regime di sospensione della caccia, mentre per la beccaccia, specie fortemente in declino, un carniere giornaliero di massimo 3 capi per un totale di 20 capi per cacciatore durante la stagione venatoria, predisponendo altresì la sospensione della caccia in caso di eventi climatici sfavorevoli.

Per tutte le specie cacciabili, inoltre, la stagione deve essere compresa tra il 1 ottobre e il 20 gennaio ( per la beccaccia il termine è addirittura ridotto al 31 dicembre proprio in virtù di uno stato di conservazione sfavorevole).
Si tratta di indicazioni che giungono non solo dalla LIPU e dal mondo associazionistico, ma che sono implicate dalla nuova legge e ufficialmente richieste dalle autorità scientifiche.

Lo Stato e le regioni devono adoperarsi da subito, dunque, per prevedere finalmente una stagione di caccia "corta", contenuta tra il 1° ottobre e il 31 dicembre. Ciò, a beneficio della natura, del rispetto delle leggi ma anche di quei tantissimi cittadini italiani che devono subire il fastidio e i rischi di mesi e mesi di spari, piombo, rumore a pochi passi da casa.



Ufficio stampa LIPU Birdlife Italia
ufficiostampa@lipu.it
www.lipu.it
0521.1910706
LIPU, Sezione di Latina
delegato@lipulatina.it
www.lipulatina.it
0773/4849993


  Galleria di immagini principale   Vai alla Home page   Torna in cima alla pagina