News, consultazione


Nuovo episodio di bracconaggio ai danni di esemplari di avifauna selvatica protetta in provincia di Latina. Questa volta bersaglio delle fucilate di scellerati bracconieri un meraviglioso esemplare di Smeriglio (Falco columbarius) colpito nelle campagne di Aprilia e rinvenuto dopo alcuni giorni in grave stato di denutrizione.

26/10/2007

Nuovo episodio di bracconaggio ai danni di esemplari di avifauna selvatica protetta in provincia di Latina. Questa volta bersaglio delle fucilate di scellerati bracconieri un meraviglioso esemplare di Smeriglio (Falco columbarius) colpito nelle campagne di Aprilia e rinvenuto dopo alcuni giorni in grave stato di denutrizione. La LIPU di Latina, grazie alla sensibilità del Comando dei Carabinieri di Aprilia che ha recapitato l’animale presso il Centro di Accoglienza e Primo Soccorso che la nostra Associazione gestisce, ospita dallo scorso 26 ottobre una femmina adulta di smeriglio il più piccolo rapace presente in Europa abile cacciatore di allodole e piccoli uccelli. “Si tratta dell’ennesimo grave episodio di bracconaggio che interessa la nostra provincia – dice Gastone Gaiba responsabile provinciale della LIPU - , episodio che colpisce una specie protetta a livello nazionale ed internazionale. E’ un atto inqualificabile che purtroppo incide pesantemente sulla conservazione di questo piccolo falco migratore”. Lo smeriglio frequenta la nostra penisola durante la migrazione autunnale che lo porta a svernare in Nord Africa. ”L’Italia rappresenta un ponte di migrazione per le popolazioni nordiche che raggiungono i paesi del nord Africa e del medio oriente dopo aver nidificato in Russia, Finlandia e Svezia – spiega ancora Gastone Gaiba – e trovo assurdo che venga colpito proprio durante il passaggio nel nostro territorio”. Già due anni fa la LIPU aveva recuperato ben tre esemplari di questa particolarissima specie e anche in quei tre casi gli animali erano stati ricoverati a seguito delle ferite provocate da arma da fuoco. La femmina di smeriglio è stata sottoposta nella giornata di ieri ad una radiografia che ha evidenziato la presenza di tre pallini da caccia nella zampa destra, nella regione temporale destra e sull’ala destra; quest’ultimo pallino ha rotto l’omero dell’animale e ha reso necessario un intervento chirurgico. “L’esemplare di smeriglio ha subito una delicata operazione per saldare i due monconi dell’osso fratturato – spiega Gastone Gaiba – ma, purtroppo, le possibilità di recuperarlo al volo sono pressoché nulle anche perché il pallino conficcato in testa non consente all’animale di mantenersi in equilibrio e di alimentarsi correttamente: le condizioni generali dovranno essere valutate nelle prossime 48-72 ore”.


Sezione Download

Seleziona il link per eseguire il download dell'allegato

images/smeriglio_004.jpg


LIPU, Sezione di Latina
delegato@lipulatina.it
www.lipulatina.it
0773/4849993


  Galleria di immagini principale   Vai alla Home page   Torna in cima alla pagina